Eventi Sagre e Fiere

 

Sagra della Polenta Arborea

Tra gli eventi che non possono mancare nel autunno sardo (mese di ottobre) c’è senz’altro la Sagra della Polenta di Arborea. E’ una sagra un pò atipica per la Sardegna, ma che ci riporta indietro nel tempo, a quando nel 1928, dopo le operazioni di bonifica, fu fondato il paese nel quali si stabilirono coloni provenienti non solo dalla nostra isola, ma anche da Veneto, Friuli ed Emilia Romagna. Persone che portarono con se il proprio background culturale e le proprie tradizioni, tra le quali, la polenta!

 

Sagra della Fragola Arborea

La manifestazione fa parte del programma della Fiera dell’Agricoltura e si svolge a fine aprile o i primi di maggio. La Fiera dell’Agricoltura viene organizzata annualmente presso l’area fieristica nella strada 19 est. Nel corso della manifestazione vengono organizzate le esposizioni dei diversi prodotti agroalimentari locali, oltre che dei prodotti dell’artigianato. Nel corso della Sagra delle Fragole oltre alla vendita di questo buonissimo frutto sarà possibile anche effettuare delle degustazioni nei vari prodotti lavorati, come ad esempio le buonissime confetture!

 

Festa della Befana (Brusa la Vecia) Arborea

Festa contadina che ogni anno si svolge in occasione della Befana, e che i coloni del Veneto hanno portato ad Arborea da oltre settanta anni. Una grande festa di canti, balli , tavole imbandite e soprattutto grandi falò dei fantocci della Befana che brucieranno per due giorni. A seconda della direzione delle faville di fuoco, si trarranno gli auspici per il futuro. 

 

Sagra delle Cozze (niedditas) Terralba

Un evento gastronomico della nostra terra che vi darà la possibilità di conoscere, assaggiare e gustare le “Nieddittas” - le cozze del Golfo di Oristano. 

 

La regata de Is Fassonis Santa Giusta

Ogni anno, la prima domenica di agosto, si svolge nello stagno di Santa Giusta una singolare gara di velocità: la regata di Is Fassonis.

Is Fassonis sono imbarcazioni tradizionali che alcuni studiosi ritengono possano avere addirittura un'origine fenicia o comunque risalente ai tempi in cui i Fenici erano giunti sulle coste sarde. È certo invece che barche molto simili a quelle di S. Giusta sono state rinvenute presso il lago Titicaca in Perù, a testimonianza del loro uso presso le popolazioni precolombiane.

Is fassonis vengono realizzati con fascioni di canne, che crescono in abbondanza sulle sponde dello stagno di Santa Giusta. L'uso tradizionale di queste barche, che vanno spinte con grande perizia con una lunga pertica da parte del barcaiolo che deve rimanere in piedi, era legato alla pesca (soprattutto del muggine), ma naturalmente fungevano anche da comodo mezzo di trasporto sulla laguna. Oggi vengono invece impiegate solo per la regata.

La gara ha luogo al tramonto, quando l'infuocato sole estivo si abbassa sul mare e colora di rosso tutta la laguna, riflettendosi sulle acque calme. Prima della regata vera e propria gareggiano anche i "cius", imbarcazioni di legno dal fondo piatto, che ancora oggi sono in uso per la pesca negli stagni oristanesi.

Oltre all'avvincente competizione, assai gradevoli sono anche le manifestazioni di contorno, di carattere folcloristico ed eno-gastronomico. In particolar modo, è possibile degustare i genuini prodotti della zona degli stagni, come le anguille ed in genere pesci alla griglia o la corposa vernaccia locale.

 

La Sartiglia Oristano

La Sartiglia è un gioco equestre di antiche origini: pare siano stati i Crociati ad introdurla in Occidente, fra il 1118 e il 1200.
È dunque probabile l’origine saracena della giostra che è poi una corsa equestre all’anello, sospeso sul percorso all’altezza di un uomo a cavallo.

Il cavaliere della Sartiglia deve infilzare una stella metallica con la lancia o con la spada: questo genere di sfide ebbe ampia diffusione e successo in Spagna dove i giovani del luogo competevano con i cavalieri moreschi. Del resto, il nome stesso di Sartiglia deriva dal catalano Sortilla che a sua volta deriva dal latino sorticula che significa anello oltre ad essere il diminutivo di sors (fortuna). Alla tradizione iberica rimanda il nome di colui che è il capo supremo della corsa su Cumpoidori da componedor, il maestro di campo della sortija spagnola.

L’evoluzione della Sartiglia segue l’andamento della storia con la trasformazione delle strutture feudo-cavalleresche. La Sartiglia, da espressione del folklore delle classi nobili e dei gruppi di potere, assunse popolarità anche in ambito borghese e popolare. Per la tradizione fu un canonico ad istituire una donazione appannaggio del Gremio dei Contadini per il mantenimento della Sartiglia, così da foraggiare il ricco pranzo da offrire ai cavalieri che partecipavano alla Giostra. Ed ancora oggi il Gremio usufruisce del lascito (su Cungiau de sa Sartiglia) per il sostentamento della Giostra che la domenica si corre sotto la protezione di San Giovanni Battista, mentre il martedì spetta al Gremio dei Falegnami organizzare l’evento che è sotto la protezione di San Giuseppe.

 

La corsa degli Scalzi San Salvatore-Cabras

Ogni anno nella prima domenica di settembre ricorre la festa di San Salvatore. Centinaia di fedeli di Cabras, nel sabato che precede la prima domenica di settembre  accorrono per portare il Simulacro di San Salvatore in processione di corsa inneggiando il Suo Nome, indossando rigorosamente un saio bianco  e scalzi,  attraversando di corsa i sentieri sterrati del Sinis, nel villaggio di San salvatore, dove vengono celebrati i festeggiamenti del Santissimo,  per poi riaccompagnarlo il giorno seguente nella Chiesa di Santa Maria Assunta. Centinaia di uomini, ragazzi, bambini... l'esercito del Salvatore che in un unica bandiera tra il sudore e la fatica calpesta l'asfalto, bollente e ispido, e il sentiero sterrato alzando un polverone che spazza via la discordia, percorre la via del sacrificio per gettarsi tra le braccia della fede.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Traduttore

 

Contatto rapido

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Captcha Image Reload image challenge


Last Minute

Memo's Affittacamere

Copyright © 2014. All Rights Reserved.

Partita Iva 01175880952